Menu Filtra
user_login

Il Conte senza testa Il Castello di Otranto e lo spettro di Giulio Antonio Acquaviva d'Aragona

Castello Aragonese, Via Cenobio, Otranto (LE)

Il Conte senza testa

Castello Aragonese, Via Cenobio, Otranto (LE)
Accesso al luogo: Pubblico
Stato di Conservazione: Ottimo
Ticket: €3.50/7.00
Orario: Dal 12 luglio al 30 settembre 10:00-13:00, 15:00-22:00
Accesso con animali: da verificare

Tag: battaglia, castello, cavaliere, otranto, spettro, turchi

Otranto, corre l’anno 1480, e dopo una cruenta battaglia via mare a suon di cannoni, i turchi sbarcano sulla terra ferma avanzando fino alla conquista della città. I Saraceni uccidono e decapitano oltre 800 persone, i loro resti sono ancora visibili all’interno di apposite teche nella cattedrale di Otranto.

In battaglia il conte Giulio Antonio Acquaviva d’Aragona a cavallo del suo destriero riuscì ad uccidere moltissimi Saraceni facendosi largo tra le masse, ma infine cadde sotto i colpi di scimitarra.

La leggenda narra che il valoroso conte, anche senza testa, abbia continuato a combattere brandendo con furia la sua spada contro i turchi invasori, finché il suo destriero non lo ebbe riportato a casa. Giunto nella corte del castello il cavallo si arrestò e soltanto lì il corpo senza testa del conte cadde da cavallo e toccò terra definitivamente.

Ora c’è chi sostiene di aver visto e sentito, nelle notti attorno al 15 Agosto – data dell’avvenimento – lo spettro del valoroso conte aggirarsi con il suo destriero e la spada in mano, in cerca del nemico e in difesa dei bastioni del castello di Otranto.

 
Telefono: +39 0836 806101, 0836 801683

Autore:


Staff

Misteri dell'autore: 92

Qual è la tua opinione su "Il Conte senza testa"?

Lascia la Tua recensione:

  • Mystery Rating

    La Tua valutazione su questo mistero

    Dai un rating.

Inserisci il tuo nome.

Email non valida.

Inserisci il titolo.

Inserisci un commento.