Menu Filtra
user_login

#Stonehenge non e’ quello che sembra! 

Stonehenge, un antico monumento che attrae milioni di turisti l’anno, ha molti segreti.

Uno dei meno conosciuti è che le pietre erette che vediamo oggi risalgono a meno di 60 anni fa, come risultato di numerosi restauri che hanno avuto luogo per più di 100 anni. D’accordo con quello che sappiamo da abbastanza tempo, l’incredibile complesso di pietra nel Wiltshire, Inghilterra, è stato costruito secondo gli archeologi e studi vari, dall’anno 3.000 prima di Cristo al 2.000. La datazione al radiocarbonio nel 2008 ha suggerito che le prime pietre furono sollevate fra il 2400 e il 2200 prima di Cristo, mentre altre teorie suggeriscono che le pietre azzurre potrebbero essere state elevate anche oltre tremila anni prima di Cristo.

Secondo un nuovo studio realizzato dai geologi dell’ University College, le pietre di Stonehenge furono prese dalle Preseli Mountains a 225 km. Uno dei monumenti più antichi ed enigmatico del pianeta è Stonehenge. Anche se i ricercatori crededono che le pietre furono prese dalle Preseli Mountains fin dal 1920, non hanno mai saputo dire da dove esattamente furono estratte, aggiungendo mistero al mistero, nè come nell’antichità siano riusciti a trasportare le rocce.

I ricercatorisi interrogano sul’ età del monumento.

Gli antichi estrassero le pietre fra il 3.400 e 3200 prima di Cristo, mentre sembra che il monumento fu costruito, secondo gli studiosi della corrente principale, intorno al 2.900 prima di Cristo. Questo significa che questo antico monumento potrebbe essere 500 anni più antico di quello che si pensava.

Anche se questi dettagli sono giunti alla luce negli ultimi anni, molte persone non sono coscienti del fatto che Stonehenge, come lo vediamo oggi, è stato ricostruito più volte e decine di immagini mostrano che le pietre che vediamo oggi datano meno di 60 anni.

Dal 1901 al 1964 gran parte del cerchio di pietra è stato rimodellato. Le parole di una archologo dicono che in realtà è un’eredità del secolo ventesimo: “Tristemente la verità è che il monumento che vediamo oggi fu ricostruito già nel 1901, quando il processo di restauro causò grande indignazione, però raramente questa cosa viene menzionata nelle guide ufficiali”.

William Hawley fu la persona che supervisionò il primo restauro importante del monumento che coinvolse il raddrizzamento e il posizionamento con calcestruzzo della pietra numero 56 che era in pericolo di cadere. Raddrizzando la pietra, la spostò approssimativamente circa mezzo metro dalla posizione originale. Durante il restauro del 1920 William Hawley, che aveva scavato vicino alla pietra le pietre principali, tirò fuori dal fosso le pietre più importanti e continuarono il lavoro di Hawley nei decenni tra il 1940 e il 1950 e scoprirono gli assi e i talloni scolpiti sulle pietre.

Nel 1958 le pietre furono restaurate di nuovo, quando tre dei sassi permanenti furono ricostruiti e posti su basi di cemento. L’ultimo restauro venne effettuato nel 1963, dopo che la pietra 23 del cerchio cadde.

L’archivista archeologico dell’università di Cambridge e l’ autore principale di Stonehenge, Christopher Chippendhale, hanno ammesso: “Non molto di quello che vediamo oggi non è stato toccato in qualche modo”. Lo studente di ricerca storica Brian Edwards recentemente ha rivelato che il monumento vicino ad Avebury è stato ricostruito per completo e ha trovato immagini rare del restauro di Stonehenge.

Ha detto: “E’stato come se Stonehenge fosse stato storicamente nascosto per troppo tempo, le persone sono state poste all’oscuro sul lavoro di restauro a Stonehenge. Sono stupito di quanto poco la gente sappia a tale proposito.

Spero che la storia venga raccontata completamente, che si sappia cosa è davvero successo.

Di: Primiano Schiavone

Sorgente: Periodicodaily

Ancora nessun commento!